L'edizione 2019 di Alice nella città è all'insegna della resilienza

 

Presentata alla stampa presso il MaXXI di Roma, l'edizione 2019 di Alice nella città si mostra in tutto il suo splendore ed il suo impegno, che emergono sin dalla pre apertura, in programma il 7 ottobre all'Auditorium della Conciliazione, in collaborazione con la Disney: sarà infatti Maleficent ad aprire il sipario, accompagnato da due delle sue splendide protagoniste, ossia Angelina Jolie e Michelle Pfeiffer, le quali terranno una masterclass per i ragazzi dopo la conferenza stampa di lunedì.

Per la prima volta si avrà poi una ricchissima offerta in termini di documentari (ce ne sono ben 11 in cartellone), oltre alla tradizionale serie di eventi speciali - tra cui ricordiamo La famiglia Addams, girato con un particolare stop motion, il film dei Playmobil con le voci di Cristina D'Avena e JAx, e l'ultima opera tratta da un romanzo di Sophie Kinsella (presente nella Capitale per l'occasione, insieme ad Alexandra Daddario), Can you keep a secret? - e agli incontri con i grandi autori quali Giuseppe Tornatore (in apertura, quasi ad omaggiare la nuova sala, molto più capiente), Carlo Verdone, Gabriele Muccino, i fratelli Dardenne, Jacques Doillon e molti altri ancora.

Torna per il secondo anno consecutivo la collaborazione con Timvision, grazie alla quale sarà possibile godere in streaming dal 24 ottobre dei cortometraggi in concorso, oltre al film vincitore di Alice, per 6 mesi sulla piattaforma. Ed è grazie a Timvision che la capienza della sala sarà raddoppiata, così da permettere al maggior numero di persone di fruire del ricchissimo programma.

Programma che ha come fil rouge il tema della resilienza, ma nel quale trova come sempre il suo spazio (e peso) il rapporto padre - figlio, il percorso di maturità e crescita, l'amicizia: tra i tanti titoli segnaliamo l'opera prima di Casey Affleck, Light of my life, e Maternal (unico italiano nel Panorama Internazionale, gemellato con la Scuola Volontè), Frammenti (un film corale di un gruppo di studenti tra i 18 ed i 26 anni), Mosaic portrait e Taro the fool, provenienti dall'Asia ed importanti nella geografia di questo cartellone, seppur opere molto dure, il documentario su Franco Lanzoni, seguito nel suo ultimo anno di insegnamento, che è un importante testamento a cura di Davide Vavalà, e quello su Gabriel Batistuta (protagonista anche di un incontro aperto al pubblico), incentrato sulla figura del campione e soprattutto sul suo rapporto con i figli, La volta buona di Vincenzo Marra e Bellissime di Elisa Amoruso, il nuovo film di Alessandro Siani, che arriva a tre anni dal suo esordio e chiude idealmente la kermesse dedicata ai più giovani.

Tanta Italia quindi ma anche tanta musica, a partire dall'interessante Il suono della voce, sino ad arrivare al doc sulla musica TRAP, Volare.

Tra gli omaggi, segnaliamo quello a Franca Valeri, previsto per il 20 ottobre, mentre tra i restauri (che aumentano quest'anno di numero, da 1 a 5) ci sono le prime due puntate della serie Il fiuto di Sherlock Holmes di Myazaki, oltre che alcuni titoli fondamentali nella storia del cinema come Miracolo a Milano.

da Roma, Sabrina Colangeli


 
 

Box Office

 
 
 

Follow Us

facebook-icon icona_blu_800x800 twitter-iconmovies_vimeo_icon1

Facebook