67 TRENTO FILM FESTIVAL | 27 aprile - 5 maggio

 

Dai documentari ai lungometraggi, dai classici restaurati alle sperimentazioni contemporanee, dal cinema internazionale a quello locale, la selezione 2019 ci racconta le montagne come sensibili punte di iceberg del pianeta Terra, nell’anno in cui si è svegliata la coscienza delle giovani generazioni per il riscaldamento globale e i rischi ambientali.

Oltre alle tradizionali sezioni, con la variegata offerta di qualità del Concorso, le sorprese delle Proiezioni speciali, il meglio del film di avventura in Alp&ism, i lungometraggi fiction delle Anteprime, lo sguardo etnografico di Terre Alte, il cinema del Trentino-Alto Adige in Orizzonti Vicini, i lavori sperimentali e d’artista in Sestogrado, il cinema naturalistico in Muse.Doc, e i film di animazione per i più piccoli in TFF Family, la 67. edizione è caratterizzata dai programmi speciali “Destinazione… Marocco”, invito alla scoperta del territorio e delle genti del paese nordafricano, e “Amici fragili” dedicata ad alberi e boschi, ispirata dalla catastrofica tempesta sulle Dolomiti di fine ottobre 2018.

LE SERATE EVENTO

Linguaggi contemporanei: da Reinhold Messner a Luca Barbarossa, dalla filosofia alla bicicletta, dalle Dolomiti all’Himalaya.

Otto serate, otto eventi imperdibili.

Le serate del Trento Film Festival spaziano tra ecologia, alpinismo, musica, filosofia e avventura.

Tanti temi, un’unica lingua: quella della contemporaneità

IL PAESE OSPITE: “DESTINAZIONE…MAROCCO”

“Destinazione… Marocco”: il paese nordafricano con i suoi deserti e montagne protagonista del festival 2019

Dopo avere esplorato territori e culture in ogni altro continente, con un successo crescente di pubblico, la sezione speciale guarda per la prima volta all’Africa e all’altra sponda del Mediterraneo.

Non solo film e documentari: arriveranno a Trento la cantante Malika Ayane e Mohammed Al Achaari, intellettuale e uomo politico marocchino

AMICI FRAGILI

Amici fragili: cinque film recenti (e un cortometraggio) per riflettere su alberi e boschi,

dopo la disastrosa tempesta di fine ottobre 2018

Il festival non poteva ignorare il disastro che ha colpito le nostre montagne, con milioni di alberi abbattuti dal maltempo: un programma speciale, in collaborazione con Fondazione Dolomiti UNESCO, porterà le foreste nel cuore della 67. edizione.

LE MOSTRE

Un grande laboratorio artistico: quindici mostre in altrettante location cittadine, dalla fotografia alla scultura

Grande attesa per la mostra dell’artista valdostano Donato Savin, che con le sue stele interpreta e rivisita le rocce delle sue montagne. “Amazigh”  è un viaggio ideale tra i monti dell’Atlante, in Marocco, per scoprire la ricchezza culturale del popolo berbero.

MONTAGNALIBRI

MontagnaLibri: la più grande rassegna al mondo dell’editoria di montagna

Oltre 500 le opere presentate, provenienti da 25 differenti nazioni: tra reportage, storie di alpinismo, libri illustrati e per l’infanzia, un’offerta adatta a ogni tipo di pubblico. Diverse le anteprime assolute, come le opere autobiografiche di Hans Kammerlander e Krzysztof Wielicki.

 
 

Box Office

 
 
 

Follow Us

facebook-icon icona_blu_800x800 twitter-iconmovies_vimeo_icon1

Facebook