Momenti di trascurabile felicità

4
 

Liberamente tratto da Momenti di trascurabile felicità e Momenti di trascurabile infelicità di Francesco Piccolo, l'ultimo film diretto da Daniele Luchetti è un piccolo gioiello di questo nuovo cinema italiano, al quale si devono tante belle sorprese ed un'importante proposività: Paolo (Pif) passa parecchio del suo tempo a porsi domande non esattamente esistenziali, trascurando i figli e la moglie Agata (Thony) ed andando sempre di fretta, ma arriverà il giorno in cui, per un errore di calcolo, sarà costretto a rivalutare (e sfruttare) ogni momento della sua vita.
Momenti di trascurabile felicità si muove agile nel terreno della commedia, attingendo con intelligenza a quel realismo magico talvolta snaturato ma in questo caso perfettamente inserito a descrivere la figura di Paolo ed uno stralcio della storia della sua vita.
L'esistenza di un comune mortale si viene così ad intrecciare con l'intervento divino, che gli permette di osservare da un diverso punto di vista ciò che lo ha condotto sin lì e a dare un valore prima nemmeno contemplato al suo percorso, alle situazioni, agli incontri e, soprattutto, al (suo) tempo passato, presente e futuro.
Nodo indiscutibile della vicenda è appunto il trascorrere del tempo, dal quale si dipana un'interessante riflessione che ci riguarda tutti da vicinissimo ma che per lo più tendiamo a sottovalutare: quanti minuti si sprecano ogni giorno dietro cose di poco conto, invece di accorgersi di ciò che si sta perdendo o seminando via via? E quanto può essere fondamentale un quarto di secondo mal calcolato?
Un equilibrio finissimo sta alla base delle faccende della vita, tra quegli alti e bassi che ogni giorno regolano lo stato d'animo ed indirizzano le decisioni, importanti o meno che siano. Ed è appunto su quell'equilibrio finissimo che facciamo affidamento, senza neanche saperlo, sino a che non giunge la resa dei conti, a cui si lega un altro discorso fondamentale, ossia quello riguardante gli errori. Nessuno è esente dal farne, a testimonianza di ciò che può essere definita un'esistenza.
A ciò si aggiunga la storia d'amore, epica nonostante la sua normalità, potente e solida, sviluppata in un arco di vari anni durante i quali si delineano le personalità in gioco e vi si entra inevitabilmente in contatto: Paolo è un personaggio particolare, lontano dal prototipo del classico "eroe", è un uomo comune, fallace e pigro, ma anche molto curioso ed amorevole; Agata è invece una donna forte, è l'ancora che tiene legata insieme la famiglia, che le da forza e stimoli.
Sono tantissime le sfumature che compongono i Momenti di trascurabile felicità del titolo, e la pellicola non fa altro che porli sotto una brillante luce dei riflettori, attraverso una sceneggiatura impeccabile, capace di mescolare realismo e genialità, per cui si susseguono battute e gag esilaranti mentre procede anche un discorso serio sulla caducità della vita e sulla necessità di sfruttarne ogni attimo.
Prezioso ed impeccabile il lavoro svolto sulla colonna sonora, vera e propria ciliegina sulla torta.

Scheda film

Regia Daniele Luchetti
Sceneggiatura Daniele LuchettiFrancesco Piccolo
Fotografia Tommaso Fiorilli
Montaggio Claudio Di Mauro
Cast PifRenato CarpentieriThony
Distribuzione 01 Distribution
Origine Italia
Anno 2019
Durata 93'
Genere Commedia
Data di uscita Marzo 14, 2019
Incassi 767,898 €

Trailer

 
 

Follow Us

facebook-icon icona_blu_800x800 twitter-iconmovies_vimeo_icon1

Facebook