Disobedience

3.5
 

Tratto dall'omonimo best seller di Naomi Alderman, Disobedience narra le vicende di Ronit (Rachel Weisz), fotografa newyorchese, che torna nella sua città d'origine per il funerale del padre, uno stimato rabbino.
Dopo l'Oscar per il Miglior Film Straniero con Una donna fantastica, Sebastian Lelio torna alla regia con un'altra storia incentrata sul punto di vista femminile. Attraverso lo sguardo di Ronit ed Esti (Rachel McAdams) entriamo infatti in contatto con un mondo antico, profondamente chiuso ed autoreferenziale, complicato anche solo da comprendere ed avvicinare: la comunità ebraica ortodossa di una Londra a tratti irriconoscibile detta le regole e chi non le rispetta ne è fuori, determinando così una scissione inconciliabile tra chi segue il credo e chi invece sceglie di non farlo. Ma il discorso della scelta appare sin da subito ben più complesso, dal momento che si tratta anche e soprattutto di una facciata da mantenere, di un'apparenza che non può in alcun modo essere contagiata da ciò che si ritiene sporco, impuro, e deve essere quindi bandito, anche a costo di cancellare un'identità. Esti è il simbolo di tutto questo ed attraverso la sua figura emerge una sorta di richiamo sottile ma non troppo ad una violenza, in primis psicologica, contro le donne, costrette ad accettare quanto loro imposto per restare all'interno della comunità e non subire discriminazioni. Ma condurre un'intera esistenza tenendo nascosto il proprio io, le proprie esigenze e gli impulsi, è qualcosa di intollerabile e disturbante. Il ritorno a casa di Ronit solleva la questione irreversibilmente, travolgendo tutto e tutti in un crescendo di emozioni e di riflessioni sempre più delicate. Motore della vicenda ma anche fil rouge che getta luce sul passato (e sul presente) dei tre protagonisti, sul loro rapporto e le dinamiche ad esso legate, Ronit è una donna nuova, emancipata ed indipendente, che proprio per la sua decisione di allontanarsi dalle origini ha perso (forse?) l'amore del padre. E, per quanto ci si impegni, è difficile chiamare libertà un simile modo di vivere, quando dietro di sè si lascia un vuoto probabilmente incolmabile, perdendo per sempre un pezzo di se stessi.
Eccezionali la Weisz e la McAdams, capaci di sprigionare una chimica che trascende lo schermo e di dare letterlamente vita ai due rispettivi personaggi con una potenza ed un fascino rari.

Scheda film

Titolo Originale Disobedience
Regia Sebastián Lelio
Sceneggiatura Rebecca LenkiewiczSebastián Lelio
Fotografia Danny Cohen
Montaggio Nathan Nugent
Musica Matthew Herbert
Cast Alessandro NivolaRachel McAdamsRachel Weisz
Distribuzione Cinema Distribuzione
Origine Gran BretagnaIrlandaUSA
Anno 2017
Durata 114'
Genere Drammatico
Data di uscita Ottobre 25, 2018

Trailer

 
 

Follow Us

facebook-icon icona_blu_800x800 twitter-iconmovies_vimeo_icon1

Facebook