CIAKPOLSKA FILM FESTIVAL edizione on line: il meglio del cinema polacco in streaming gratuito

 

Torna il CiakPolska Film Festival, con il meglio del cinema polacco contemporaneo e in più una sezione speciale di documentari dedicata al tema “Uomo e natura”. Il festival, promosso dall’Istituto Polacco di Roma, giunge quest’anno alla sua ottava edizione. Sarà un’edizione speciale, interamente online e con alcuni dei film più belli proiettati in sala nelle edizioni precedenti, compresi i capolavori di maestri del cinema polacco come Jerzy Skolimowski e Andrzej Wajda. Dal 10 al 16 novembre, sulla piattaforma streaming della Cineteca di Milano (www.cinetecamilano.it), si potranno vedere gratuitamente sette grandi film di una tra le più dinamiche e apprezzate cinematografie europee di oggi.
L’edizione di quest’anno ospiterà inoltre la sezione speciale “Uomo e natura”. Si tratta di una sezione tematica, organizzata in collaborazione con il Krakow Film Festival, con sei documentari acclamati sia per il loro valore artistico che per la capacità di riflettere sulla sempre più urgente questione ambientale, approfondendo con sguardi diversi i molteplici rapporti che l’uomo stabilisce con il mondo che lo circonda.
SEZIONE “UOMO E NATURA”


Calendario:


MARTEDÌ 10 NOVEMBRE

DALLE ORE 21.00

11 MINUT (11 minutes / 11 minuti, Polonia-Irlanda 2015, 79’), di Jerzy Skolimowski


MERCOLEDÌ 11 NOVEMBRE

DALLE ORE 21.00

OSTATNIA RODZINA (The Last Family, 122’, PL 2016), di Jan P. Matuszyński


GIOVEDÌ 12 NOVEMBRE

DALLE ORE 21.00

KSIĄŻĘ I DYBUK (The Prince and the Dybbuk, Polonia-Germania 2017, 82’), di Elwira Niewiera e Piotr Rosołowski


VENERDÌ 13 NOVEMBRE

DALLE ORE 21.00

GRUBA KAŚKA (Fat Kathy, Polonia 2019, 14), di Julia Pełka

SYNDROM ZIMOWNIKÓW (The Antartic Syndrom, Polonia 2019, 73), di Piotr Jaworski

DEMON (Polonia-Israela 2015, 90’), di Marcin Wrona


SABATO 14 NOVEMBRE

DALLE ORE 18.00

HARDA (The Tough, Polonia 2019, 14’), di Marcin Polar

WIATR. THRILLER DOKUMENTALNY (The Wind. A Documentary Thriller, Polonia-Slovacchia 2019, 75’) di Michał Bielawski

DALLE ORE 21.00

POWIDOKI (Afterimages / Il ritratto negato, Polonia 2016, 100’), di Andrzej Wajda


DOMENICA 15 NOVEMBRE

DALLE ORE 18.00

POŁĄCZĘNI (Connected, Polonia 2018, 18’), di Aleksandra Maciejczyk

TAMA (Damn, Polonia 2018, 22’), di Natalia Koniarz

DALLE ORE 21.00

BODY/CIAŁO (Body / Corpi, Polonia 2015, 89’), di Małgorzata Szumowska


LUNEDì 16 NOVEMBRE

DALLE ORE 21.00

RÓŻA (Rose, Polonia 2011, 94), di Wojciech Smarzowski


L’ottava edizione di CiakPolska Fim Festival è organizzata da Istituto Polacco di Roma e CortoItaliaCinema, cofinanziata da Polish Film Institute e Consolato Generale della Repubblica di Polonia di Milano, in collaborazione con Cineteca di Milano e Krakow Film Festival. Partner: Trieste Film Festival, Trento Film Festival, Euganea Film Festival, Raggioverde Sottotitoli.


Le schede dei film:


11 minut | 11 MINUTI (Polonia-Irlanda 2015, 79’)

Jerzy Skolimowski

Thriller

11 minuti della vita di diversi personaggi: un marito geloso, una moglie sensuale, un regista di Hollywood, uno corriere di droga, un venditore di hot dog, uno studente, un lavavetri, un anziano disegnatore, un team di paramedici e un gruppo di suore... Ognuno cammina senza saperlo sull’orlo di un abisso. A ogni angolo è in agguato l’imprevisto. Il thriller di uno dei maestri del cinema mondiale.


Ostatnia rodzina | L’ULTIMA FAMIGLIA (Polonia, 2016, 122’)

Jan P. Matuszyński

Biopic

L’artista Tomasz Beksiński e la sua eccentrica famiglia sono i protagonisti del film. Il figlio Tomek, noto giornalista musicale, si trasferisce in un appartamento vicino a quello dei genitori. La vita familiare si complica, tra urgenze artistiche e imprevisti tragici che intaccano l’ordine quotidiano. Un biopic sui generis premiato al Festival di Gdynia del 2016 coi Leoni d’Oro. Premio per il Miglior Attore ad Andrzej Seweryn al Festival di Locarno 2016.


Książę i dybuk | IL PRINCIPE E IL DYBBUK (Polonia-Germania 2017, 82’)

Elwira Niewiera e Piotr Rosołowski

documentario

Chi era davvero Mosze Waks, alias Michał Waszyński? Un genio del cinema, uno scaltro impostore o un uomo che confondeva di continuo l’illusione filmica con la realtà? Chi ha avuto il privilegio di conoscerlo lo ricorda come un aristocratico, un bugiardo, un ebreo errante, un omosessuale che sposò una contessa italiana… Premiato come miglior film documentario alla sezione Classici del festival di Venezia 2017.

Demon | IL DEMONE (Polonia-Israele 2015, 90’)

Marcin Wrona

Horror

Un giovane è in visita nella città natale della sua futura moglie. Come regalo di nozze riceve dal padre della sposa un terreno dove i due potranno ristrutturare la casa di famiglia. Mentre lavora nella sua nuova proprietà, l’uomo trova delle ossa umane: da lì in poi un fantasma comincerà ad ossessionarlo. Intensa rivisitazione della leggenda ebraica del “dibbuk”. La colonna sonora del film include alcune partiture di Krzysztof Penderecki, il più famoso compositore moderno polacco scomparso lo scorso marzo.

Powidoki | IL RITRATTO NEGATO (Polonia 2016, 100’)

Andrzej Wajda

Storico/biografico

Nella Polonia del 1948 il pittore e teorico dell'arte Władysław Strzemiński gode di fama e rispetto in patria e all'estero. A Łódź è docente all'accademia di belle arti, membro dell'unione degli artisti e fondatore dell’importante museo della città. Il vento politico che travolge il paese si ripercuote però pesantemente sulla sua vita: l’artista non vuole sottomettere la sua pittura alle direttive del partito, alle quali si opporrà fino alla morte. Il testamento artistico del maestro Andrzej Wajda.

Body/Ciało | CORPI (PL, 2015, 90)

Malgorzata Szumowska

drammatico

Un procuratore difficilmente impressionabile e una figlia che soffre di anoressia. Entrambi devono fare i conti con la scomparsa della persona a loro più vicina. Un giorno la terapeuta della ragazza comunica di essere stata contattata da un'entità e di avere un messaggio per loro…  Vincitore dell'Orso d'Argento nel 2015 al Festival di BerlinoCorpi è una meditazione velata a tratti di humor nero sulla solitudine del cuore, sul conflitto tra sentimento e ragione. Eccellenti interpretazioni di Janusz Gajos e di Maja Ostaszewska.


Róża | RÓŻA (Polonia 2011, 94’)

Wojciech Smarzowski

Dramma storico

Estate 1945. In Polonia, sullo sfondo di un paesaggio devastato dalla Seconda guerra mondiale, dove la speranza è diventata uno strumento della propaganda, nasce l'amore tra Tadeusz, un soldato dell'Esercito Nazionale a cui la guerra ha tolto tutto, e Róża, la vedova di un uomo tedesco. Il loro sentimento, però, è minacciato dall’arrivo dell'Armata Rossa, che dà il via a una nuova sequenza di orrori. Dopo la guerra, altra guerra: il dramma postbellico degli abitanti della Masuria, trattati come abitanti di seconda classe dalle autorità del paese.



GRUBA KAŚKA (Fat Kathy, Polonia 2019, 14), di Julia Pełka

8 vongole molto sensibili. Le vite di milioni di persone dipendono da loro. In caso di contaminazione, le vongole si chiudono e bloccano automaticamente l'approvvigionamento idrico di Varsavia. Uno scienziato-malacologo veglia sul funzionamento del sistema. (Presentato all’Euganea Film Festival 2020)


SYNDROM ZIMOWNIKÓW (The Antartic Syndrom, Polonia 2019, 73), di Piotr Jaworski

Il professor Jan Terelak appartiene alla cerchia degli sperimentatori più amorali del secolo scorso? Una quarantina di anni fa, lo studioso polacco analizzò i limiti della resistenza psichica umana in condizioni estreme d’isolamento in Antartide.


HARDA (The Tough, Polonia 2019, 14’), di Marcin Polar

Harda significa molte cose insieme: ribelle, maligna, solida, indomita, forte, resistente, fredda, dura. Il protagonista del film ha chiamato così la grotta che ha scoperto dentro ai monti Tatra: la videocamera lo segue, passo dopo passo, nell’esplorazione di ambienti finora sconosciuti all’uomo, che oppongono una resistenza sempre maggiore alla fragile materia umana. (Presentato al Trento Film Festival 2020)

WIATR. THRILLER DOKUMENTALNY (The Wind. A Documentary Thriller, Polonia-Slovacchia 2019)

Il vento Halny è uno dei fenomeni più imprevedibili che si scatena sulle montagne polacche. Il documentario di Micha? Bielawski è una storia sulla lotta dell'uomo contro le forze della natura e sulla loro influenza sulla vita umana, realizzato usando una struttura narrativa non lontana da quella dei film horror. (Presentato al Trieste Film Festival 2020)


POŁĄCZĘNI (Connected, Polonia 2018, 18’), di Aleksandra Maciejczyk

Il film mostra una coppia di cinquantenni, Krzysztof e Wiola, che vanno a sciare. Krzysztof è cieco e Wiola è la sua guida. Al mattino presto si preparano, Krzysztof monta sui caschi gli apparecchi bluetooth con cui i due saranno collegati. Durante la salita in seggiovia apprendiamo sempre maggiori notizie sulla loro vita. Nel frattempo mutano le condizioni atmosferiche e sulle piste cala una fitta nebbia.


TAMA (Damn, Polonia 2018, 22’), di Natalia Koniarz

Un padre e un figlio, dopo aver interrotto per lungo tempo i contatti, decidono di intraprendere un viaggio insieme sui monti Bieszczady. La costruzione di una diga su un torrente di montagna può essere letta come una lotta contro le proprie debolezze, uno sforzo comune contro i pregiudizi e i mutui rancori. Nella piscina creata dalla diga è possibile purificarsi e trovare un (temporaneo) conforto.

 
 

Box Office

 
 
 

Follow Us

facebook-icon icona_blu_800x800 twitter-iconmovies_vimeo_icon1

Facebook