Alex Cross

2.5
 

La linea sottile tra ambito professionale e ambito privato si fa ancora una volta inesistente. Il detective Alex Cross (Tyler Perry), infatti, farà del suo obiettivo, la cattura di un pericoloso serial killer sociopatico, una faccenda personale. Lui e il suo amico e collega Tommy Kane (Edward Burns) non si daranno pace fino a quando l’assassino non potrà più far del male ai loro affetti più cari.
Il cinema è ricco, negli ultimi anni, di thriller che mettono a «tu per tu» il buono con il cattivo. Da Giustizia privata di F. Gary Gray, al più recente Fire with fire di David Barrett, la storia si ripete, le trame si assomigliano. Questa volta di nuovo c’è l’aspettativa dello spettatore, che probabilmente è reduce delle precedenti versioni di Alex Cross ne Il collezionista di Gary Fleder e Nella morsa del ragno di Lee Tamahori. In entrambi i film, Cross è interpretato da Morgan Freeman. E ancora di più se quegli spettatori hanno letto i romanzi di James Patterson, a cui i film sono ispirati. Allo stesso Patterson è affidata la produzione dell’ultima rimediazione cinematografica del detective Cross.
Questa volta Tyler Perry, ahimè, non regge il confronto con il suo predecessore. Una performance un po’ superficiale, quella del nuovo Alex Cross, che penalizza le intenzioni del regista, Rob Cohen (xXx, Fast and Furious). Il film, infatti, è ben curato e avvincente nello svolgimento degli eventi. Adrenalinico, soprattutto nella seconda parte e sempre di più verso la conclusione. L’impressione è però che il regista volesse focalizzare l’attenzione su elementi lontani da quelli tipici dell’action movie, come l’amore per la famiglia, la fiducia tra colleghi, oltre all’analisi introspettiva e psicologica del killer. Tutto questo nella parte iniziale, lasciando nella seconda una frettolosità a volte destabilizzante. Manca un plausibile equilibrio tra le due.
D’impatto, invece, Matthew Fox (Lost) nei panni dello spietato serial killer, Matthew Sullivan, detto «il macellaio» per la scelta di torturare sistematicamente le sue vittime prima di ucciderle. L’attore riesce a trasmettere l’immagine di un uomo che fa del male senza una logica palese o motivi ricercati. Ma solo per suoi personali traumi psichici.
Scorrono i titoli di coda e chi guarda fa mente locale su ciò che ha visto. Forse, questa volta, cento minuti in sala sono stati più che sufficienti.

Scheda film

Titolo Originale Alex Cross
Regia Rob Cohen
Soggetto adattamento cinematografico del romanzo di James Patterson "La memoria del killer"
Sceneggiatura Kerry WilliamsonMarc Moss
Fotografia Ricardo Della Rosa
Montaggio Thom Noble
Musica John Debney
Cast Edward BurnsMatthew FoxTyler Perry
Distribuzione 01 Distribution
Origine USA
Anno 2012
Durata 101'
Genere Thriller
Data di uscita Luglio 18, 2013

Trailer

 
 

Box Office

 
 
 

Follow Us

facebook-icon icona_blu_800x800 twitter-iconmovies_vimeo_icon1

Facebook