Bianca come il latte, rossa come il sangue

2
 

Leo (Filippo Schicchitano) è segretamente innamorato di Beatrice (Gaia Weiss), ma lei ancora non lo sa. Quando decide di farsi avanti, si trova di fronte ad una triste e dolorosa realtà, che cerca di superare con laiuto dei genitori (Flavio Insinna e Cecilia Dazzi), di un professore (Luca Argentero) e dellamica di sempre, Silvia (Aurora Ruffino).
Nuova
pellicola da iscrivere nel filone delle commedie adolescenziali. Da Moccia agli esami di Brizzi (ma in origine fu Muccino), i giudizi sui film in questione non si sono mai discostati troppo luno dallaltro. Sicuramente, il film che viene dopo si porta dietro sempre più un senso di stanchezza per ciò che propone. E così, come ristagnano le storie, allo stesso modo dovrebbero adeguarsi le recensioni. Film insufficienti oggi meritano recensioni insufficienti, quasi da copia-incolla per il senso di déjà-vu che si ha quando ci si siede in sala. Chissà che il mercato cinematografico italiano non possa beneficiarne, e abbandonare queste vie fin troppo prevedibili. Nulla importa se la sceneggiatura è originale o se, come in questo caso, tratta dallomonimo libro di successo di Alessandro DAvenia. Le regole da seguire sono sempre le stesse imposte dal mercato: sceneggiatori e registi al servizio di sua maestà box-office. Al pubblico piacerà, anche se al di di una morale giusta e dei buoni sentimenti non vi troverà niente di nuovo. Di clichè tipici del genere ce ne sono una vagonata: canzoni pop a ripetizione adorate dai ragazzini, soliti amori giovanili, facili sentimentalismi e personaggimeglio se interpretati da volti noti della tva cui viene affidato il compito di portare avanti una sottotrama comica. Stavolta viene aggiunta anche una malattia, che contribuisce per lo meno ad una quasi inevitabile lacrimuccia e quindi alla riuscita schematica della scrittura. Questo permette al film di arrivare alla fine senza stancare troppo e forse non è poca cosa. Allora si tenta il tutto per tutto, dallispirazione dantesca al percorso di formazione, dal ritmogiovanileallutilizzo di volti nuovi, o quasi. Per fortuna i giovani interpreti fanno al meglio il loro lavoro e riescono a tirarsi fuori dal marasma, dove tutto risulta già visto e sentito, già raccontato e abusato.


* Per saperne di più sul film, leggi il resoconto della conferenza stampa.

Scheda film

Regia Giacomo Campiotti
Soggetto tratto dall'omonimo best seller di Alessandro D'Avenia
Sceneggiatura Alessandro D'AveniaFabio Bonifacci
Fotografia Fabrizio Lucci
Montaggio Alessio Doglione
Cast Aurora RuffinoFilippo ScicchitanoLuca Argentero
Distribuzione 01 Distribution
Origine Italia
Anno 2013
Durata 102'
Genere Drammatico
Data di uscita Aprile 04, 2013

Trailer

 
 

Box Office

 
 
 

Follow Us

facebook-icon icona_blu_800x800 twitter-iconmovies_vimeo_icon1

Facebook