Box Office

 
 
 

Baciato dalla fortuna

2
 

Il vigile urbano Gaetano (Vincenzo Salemme) ha dei grandissimi problemi con l’amministrazione dei suoi soldi: ha uno scoperto in banca, una bellissima compagna, Betty (Asia Argento), che pretende di vivere nel lusso, e un’ex moglie a cui deve mesi e mesi di alimenti ma, nonostante questo, ogni giorno non rinuncia a giocare i suoi numeri al lotto. Un pomeriggio però la sua amica-psichiatra Grazia (Nicole Grimaudo) lo convince a fare una seduta che fa perdere a Gaetano l’occasione per giocare i suoi numeri anche quella sera. Il giorno dopo, l'emozione nel sentire i suoi numeri estratti lo farà svenire e tutta la città comincerà a credere che il vigile è ormai un milionario.
Diretto da Paolo Costella, Baciato dalla fortuna è una delle “classiche” commedie a cui il cinema italiano ci ha da diverso tempo abituato: un uomo semplice, con una vita già di per sé complicata, si ritrova a vivere un equivoco che diventa sempre più grande con il passare del tempo. L’inaspettata fortuna di Gaetano lo fa diventare l’eroe della città, fino a venire conteso dalla ex moglie e dall’attuale compagna, e essere ricoperto da attenzioni di ogni genere, diventando, infine, quasi un personaggio nazionale.
La commedia costruisce intorno al personaggio di Salemme - che sarebbe anche bravo se non si ritrovasse spesso a ripetere stessi gesti ed espressioni – una serie di personaggi tipici dell’attuale società in cui viviamo: persone che vivono della fortuna altrui, persone che tradiscono il proprio partner e chi più ne ha più ne metta….
L’idea di far interpretare alcuni di questi personaggi ad altri attori comici come Giuseppe Giacobazzi e Valeria Graci, entrambi provenienti da Zelig, sarebbe una buona idea se però non fossero limitata a poche, brevi ed estemporanee apparizioni di contorno.
Il film infatti è talmente “pieno” di attori e di situazioni inserite forzatamente che allontanano la trama dal soggetto iniziale e ne impediscono la sperata “esplosione” finale.
Se, infatti, la moltitudine di situazioni da una parte sottolinea ed identifica i diversi personaggi di contorno, dall'altra fa perdere di vista la trama principale - l’equivoco in cui è caduto Gaetano - lasciando aperte diverse storie che vengono risolte sbrigativamente nel finale, anche questo di dubbia efficacia.
Il conflitto tra Gaetano e il Generale (Alessandro Gassman, ) - l’uomo brutto ma onesto e l’uomo bello ma furbo - sarebbe riuscito se non venisse risolto in maniera banale e inaspettata; certo è che con un attore come Gassman – l’unico a dare un’interpretazione degna di nota nel film- si sarebbero potuti raggiungere alti livelli comicità senza dover cadere nel ridicolo e nel banale.
Vale la pena di menzionare la buona colonna sonora e, in particolare, la bellissima Carne Viva cantata da Mina, che accompagna la sensuale cottura delle bistecche di Asia Argento.

Scheda film

Regia Paolo Costella
Sceneggiatura Gianluca BomprezziMassimiliano BrunoPaolo CostellaVincenzo Salemme
Fotografia Enrico Lucidi
Cast Alessandro GassmanAsia ArgentoVincenzo Salemme
Distribuzione Medusa
Origine Italia
Anno 2011
Durata 97'
Genere Commedia
Data di uscita Settembre 30, 2011

Trailer

 
 

Follow Us

facebook-icon icona_blu_800x800 twitter-icon vimeo_logo

Facebook