Carol

4
 

“Si vide davanti agli occhi i chiari capelli di Carol, che ora aveva la testa vicinissima alla sua. E non doveva domandarsi se questo fosse bene: nessuno doveva dirglielo, perché niente poteva essere più giusto o più perfetto. Strinse più forte Carol contro di sé, e sentì la bocca di Carol sulla sua, che sorrideva.”
Patricia Highsmith


Il Natale del 1952 a New York non fa eccezione: nei grandi magazzini la corsa ai regali è serrata. Da Frankenberg lavora temporaneamente la giovane Therese Belivet (Rooney Mara), un’aspirante fotografa annoiata sia dal reparto delle bambole che dall’insistenza del fidanzato, ormai deciso a sposarla. In mezzo a quella massa tanto anonima, mai sospetterebbe di rimanere disarmata dalla bellezza ipnotica di una cliente: si tratta di Carol Aird (Cate Blanchett), madre affettuosa e moglie stanca sul filo del divorzio. La donna, ricambiando le attenzioni della commessa, dimentica forse strategicamente un paio di guanti sul bancone. Therese trova così subito il pretesto per stabilire un nuovo contatto: è il principio di un amore che (s)travolgerà le loro esistenze, a dispetto delle proibitive convenzioni sociali.
Escludendo il trionfo televisivo di Mildred Pierce, l’assenza di Todd Haynes era diventata ingombrante: l’ultima incursione al cinema risaliva addirittura al 2007, l’anno in cui omaggiò Bob Dylan con la geniale biografia Io non sono qui. Le fanfare festivaliere, che a Cannes ne annunciavano il ritorno in grande stile, in questo caso non hanno affatto esagerato: l’incantevole Carol, adattamento dell’omonimo romanzo di Patricia Highsmith (noto anche come Il prezzo del sale), merita tutte le lodi raccolte nei mesi precedenti all’uscita nostrana.
Il regista statunitense si affida per la prima volta ad un copione già pronto, ma sarebbe arduo notare la differenza: la sceneggiatrice Phyllis Nagy gli consegna, sul proverbiale piatto d’argento, due ritratti femminili perfettamente coerenti con il suo discorso autoriale, sempre attento ai processi di costruzione dell’identità. L’ambientazione negli anni ’50 riporta alla mente le atmosfere di Lontano dal paradiso, ma stavolta i sentimenti non finiscono soffocati dall’artificiosità del contesto storico: più che una rilettura filologica del melodramma classico, Haynes segue l’evoluzione delle protagoniste con un magistrale intimismo, al riparo da facili proclami o scene madri risolutive. Rifiutando tanto ruoli quanto aspettative comuni, Therese e Carol rivendicano con la forza dei gesti, di intrepidi strappi quotidiani il diritto inalienabile alla libertà individuale: l’attrazione istintiva dei primi incontri diventa un legame indissolubile perché, nonostante il prezzo alto da sopportare, entrambe scelgono coraggiosamente di restare fedeli a se stesse, senza sacrificare la vita interiore sull’altare delle apparenze.
La tensione della “giallista” Highsmith si dilata quindi in una presa di coscienza, silenziosa ma inarrestabile, che il gioco degli sguardi rende esplicita con soluzioni eminentemente visive. Invece di (s)cadere nell’estetismo compiaciuto, ogni dettaglio della superlativa messinscena colma la reticenza dell’”amore che non osa pronunciare il proprio nome”, suggerisce con sottigliezza e garbo, merci oggi rarissime, sia gli stati d’animo che le subordinazioni ancora in vigore. Quando Rooney Mara immortala in uno scatto l’eloquenza mozzafiato del volto di Cate Blanchett, oppure ammira le luci della città nei lunghi tragitti in macchina, l’atteggiamento contemplativo non sfiora mai la gratuità: per questo dal rigore formale scaturiscono emozioni autentiche. Destinate a durare nel tempo, come il sollievo per una ricompensa finale che ripaga della fremente attesa.

Scheda film

Titolo Originale Carol
Regia Todd Haynes
Soggetto tratto dall’omonimo romanzo di Patricia Highsmith
Sceneggiatura Phyllis Nagy
Fotografia Edward Lachman
Musica Carter Burwell
Cast Cate BlanchettKyle ChandlerRooney Mara
Distribuzione Lucky Red
Origine Gran BretagnaUSA
Anno 2015
Durata 118'
Genere DrammaticoSentimentale
Data di uscita Gennaio 05, 2016

Trailer

 
 

Box Office

 
 
 

Follow Us

facebook-icon icona_blu_800x800 twitter-iconmovies_vimeo_icon1

Facebook