Il principe abusivo

3.5
 

La principessa Letizia (Sarah Felberbaum) è frustrata perché viene ignorata dai paparazzi e le sue azioni benefiche non hanno nessun riscontro mediatico. Per ovviare a questo, Anastasio (Christian De Sica), il ciambellano di corte, escogita un piano: organizza un finto fidanzamento tra la principessa ed Antonio (Alessandro Siani), un napoletano disoccupato e scroccone. L'arrivo dell'esuberante ragazzotto partenopeo attirerà il gossip sul piccolo principato, ma scatenerà lo sconquasso dell'intero castello.
Alessandro Siani fa il salto nel vuoto: scrive e dirige il suo primo film da regista. Dopo i successi attoriali da nord a sud, confeziona una favola romantica, soave, raffinata e, ovviamente, molto divertente. Non è cosa facile riuscire a centrare il bersaglio al primo colpo, soprattutto se hai determinati pesi che l'opinione culturale continua a farti gravare dimenticandosi che ognuno è diverso dall'altro e che l'ispirazione si può prendere solamente dai grandi del passato pur senza cambiare mai l'essenza di noi stessi.
Questo punto è sempre stato un fattore chiave nella carriera di Siani ma, per sua intelligenza e bravura, è costantemente riuscito a districarsi dai paragoni ingombranti. La pellicola ha un'aria garbata e vagamente ''disneyana'', dove ci sono tutti i punti focali del classico ''C'era una volta''. La forza del film sta però nel rivedere tutti gli elementi fiabeschi e attualizzarli al nostro presente: c'è una principessa a cui importa solo di farsi notare, c'è un Re che è tutt'altro che reale ed un principe che ha dei modi abbastanza gretti e di azzurro ha solo gli occhi. Sebbene non ci sia un cattivo vero e proprio, come in tutte le fiabe che si rispettino, la malvagità è incarnata da qualcosa di ancor più terribile: il pregiudizio. I preconcetti verso i ceti sociali meno agiati, i preconcetti verso il popolo e i preconcetti verso chiunque si comporti in maniera diversa dalla nostra sono estremamente evidenziati e sbaragliati dall'evolversi della storia. Com'è normale che sia c'è una marcata dose di napoletanità che satura la scena ma non la rende mai eccessiva e stucchevole; Siani riesce a dosare gli ingredienti in una commedia in cui si ride con affetto e spassionato sentimento. Funziona tutto: la storia, la regia e gli attori; Christian De Sica, nell'insolito ruolo ''spalla'' (di lusso), non oscura mai il nostro principe regalandogli degli assist d'alta comicità. Il Principe Abusivo parla con spensieratezza e pulsante esuberanza al pubblico, mostrandogli i vizi e le virtù da cui nessun ceto sociale può prescindere.
La commedia (all') italiana esiste ancora ed è viva e palpitante. Basta aprire gli occhi. E la mente.

Scheda film

Regia Alessandro Siani
Sceneggiatura Alessandro SianiFabio Bonifacci
Fotografia Paolo Carnera
Montaggio Valentina Mariani
Musica Umberto Scipione
Cast Alessandro SianiChristian De SicaSarah Felberbaum
Distribuzione 01 Distribution
Origine Italia
Anno 2013
Durata 97'
Genere Commedia
Data di uscita Febbraio 14, 2013

Trailer

 
 

Follow Us

facebook-icon icona_blu_800x800 twitter-icon vimeo_logo

Facebook